top of page

Sulle origini della lingua Inglese, e alcune sue caratteristiche

Dal Proto-Indoeuropeo al "Globish"


L'inglese appartiene alla famiglia delle lingue indoeuropee ed è quindi imparentato con la maggior parte delle altre lingue parlate in Europa e nell'Asia occidentale, dall'Islanda all'India. La lingua madre proto-indoeuropea, era parlata circa 5.000 anni fa da nomadi che vagavano per le pianure del sud-est europeo. Il Germanico, uno dei gruppi linguistici discendenti da questa lingua ancestrale, è solitamente diviso dagli studiosi in tre gruppi regionali: orientale (borgognone, vandalo e gotico, tutti estinti), settentrionale (islandese, faroese, norvegese, svedese e danese), e occidentale (tedesco, neerlandese [olandese e fiammingo], frisone e inglese). Sebbene strettamente imparentato con l'inglese, il tedesco rimane molto più conservatore dell'inglese nel suo sistema di flessioni piuttosto elaborato. Il frisone, parlato dagli abitanti della provincia olandese della Frisia e delle isole al largo della costa occidentale dello Schleswig, è la lingua più vicina all'inglese moderno. L'islandese, che è mutato relativamente poco negli ultimi mille anni, è la lingua vivente più simile all'inglese antico nella struttura grammaticale.


Dico (cioè relativamente poco Dflesso), mentre il proto-indoeuropeo, la lingua ancestrale della maggior parte delle lingue europee moderne (ad esempio, tedesco, francese, russo, greco), era sintetico o flesso. Nel corso di migliaia di anni, le parole inglesi sono state lentamente semplificate dalle forme variabili flesse trovate in sanscrito, greco, latino, russo e tedesco, verso forme invariabili, come in cinese e vietnamita. Le parole tedesche e cinesi per il sostantivo uomo sono esemplari. Il tedesco ha cinque forme: Mann, Mannes, Manne, Männer, Männern. Il cinese ha una forma: ren. L'inglese sta nel mezzo, con quattro forme: man, man's, men, men's. In inglese, sono flessi solo nomi, pronomi (come he, him, his), aggettivi (come in big, bigger, biggest) e verbi. L'inglese è l'unica lingua europea ad utilizzare aggettivi non flessi; ad esempio, the tall man, the tall woman, rispetto allo spagnolo el hombre alto e la mujer alta. Per quanto riguarda i verbi, se la parola inglese moderna “ride” viene confrontata con le parole corrispondenti in inglese antico e tedesco moderno, si troverà che l'inglese ora ha solo 5 forme (ride, rides, rode, riding, ridden), mentre l'inglese antico ridan ne aveva 13 e il tedesco moderno reiten ne ha 16.

Le parole precedentemente distinte come nomi o verbi per differenze nelle loro forme sono ora spesso usate sia come nomi che come verbi. Si può parlare, ad esempio, di planning a table (preparare un tavolo) o tabling a plan (presentare un progetto), booking a place (prenotare un posto) o placing a book (collocare un libro). Nelle altre lingue indoeuropee, a parte rare eccezioni nelle lingue scandinave, nomi e verbi non sono mai identici a causa della necessità di desinenze sostantive e verbi separate.


Caratteristiche dell’Inglese Moderno


Fonetica


La British Received Pronunciation (RP), tradizionalmente definita come la parlata standard usatao a Londra e nel sud-est dell'Inghilterra, è una delle tante forme linguistiche nel vasto panorama delle varietà dell’inglese moderno. Altre pronunce, sebbene non standard, sono di dominio pubblico. Si stima che una percentuale molto piccola della popolazione inglese utilizzi RP "puro" (sebbene la percentuale effettiva sia sconosciuta quanto ciò che costituisce RP "puro"). È considerato l'accento di prestigio in istituzioni come il servizio civile e la BBC e, come tale, è molto apprezzato in Gran Bretagna.

Le principali differenze tra RP, come definito sopra, e una varietà di inglese americano, come Inland Northern (la forma linguistica del New England occidentale e dei suoi derivati, spesso comunemente indicati come General American), sono nella pronuncia di alcune vocali individuali e dittonghi.

Come il russo, l'inglese è una lingua fortemente sollecitata. Si possono distinguere quattro gradi di accentuazione: primario, secondario, terziario e debole, che possono essere indicati, rispettivamente, dagli accenti acuti (´), circonflessi (ˆ), gravi (ˋ) e dalla breve (˘). Così, “Têll mè thĕ trúth” (tutta la verità, e nient'altro che la verità) può essere contrapposto a “Têll mé thĕ trûth” (qualunque cosa tu possa dire ad altre persone); “bláck bîrd” (qualsiasi uccello di colore nero) può essere contrapposto a “bláckbìrd” (quel particolare uccello Turdus merula). I verbi permít e recórd (d'ora in poi solo gli accenti primari sono segnati) possono essere contrapposti ai loro corrispondenti sostantivi pérmit e récord.

La cadenza di fine frase è importante per esprimere differenze di significato. Sono possibili diverse intonazioni di fine frase, ma tre sono particolarmente comuni: discendente, ascendente e discendente-ascendente. L'intonazione cadente viene utilizzata in affermazioni complete, comandi diretti e talvolta in domande generali a cui non è possibile rispondere con sì o no (ad esempio, I have nothing to add; keep to the right; who told you that?). L'intonazione crescente è spesso usata in dichiarazioni aperte fatte con una certa riserva, in richieste cortesi e in particolare domande a cui si risponde con sì o no (ad esempio, I have nothing more to say at the moment; let me know how you get on; are you sure?). Il terzo tipo di intonazione di fine frase, prima discendente e poi crescente, è usato in frasi che implicano concessioni o contrasti (ad esempio, some people do like them [but others do not]; don’t say I didn’t warn you [because that is just what I’m now doing]). L'intonazione è nel complesso meno cantilenante in americano che in inglese britannico, e c'è una gamma di tonalità più ristretta. Ovunque si parli inglese, gli accenti regionali mostrano modelli distintivi di intonazione


Morfologia



La maggior parte dei nomi inglesi ha la declinazione al plurale in (-e)s, ma con variazioni nella pronuncia delle parole come: cats (s), dogs (z ), e horses (iz). Così avviene anche nel caso della terza persona singolare al present simple: cuts (s), jogs (z), e forces (iz). Sette nomi hanno mutato il proprio plurale: man, men; woman, women; tooth, teeth; foot, feet; goose, geese; mouse, mice; louse, lice. Tre hanno il plurale in -en: ox, oxen; child, children; brother, brethren (forma arcaica). Alcune restano invariate (esempio: deer, sheep, moose, grouse). Cinque pronomi personali hanno forme distinte tra soggetto e oggetto (es.: he/him, she/her). Gli aggettivi variano in ambito comparativo e superlativo ( bigger, biggest), con molte forme irregolari (good, better, best).

Le forme verbali non sono complesse. Solamente il verbo essere (to be) ha otto forme: be, am, is, are, was, were, being, been. I verbi cosiddetti “forti” ne hanno cinque: ride, rides, rode, riding, ridden. Verbi regolari o “deboli” ne hanno quattro: walk, walks, walked, walking. Alcuni che terminano in t o d hanno solo tre forme: cut, cuts, cutting.


Vuoi saperne di più su storia ed evoluzione delle Lingue Straniere? Vieni all’incontro “Da Babele al Globish”, del prossimo 22 gennaio a Rovigo!


Fonte: ENCYCLOPEDIA BRITANNICA https://www.britannica.com/




127 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


Los comentarios se han desactivado.
bottom of page